Home > Da cosa dipende la velocità di navigazione
gallery vel navigazione

Da cosa dipende la velocità di navigazione

Al giorno d’oggi è indispensabile poter contare su una velocità di navigazione Internet elevata, per garantire prestazioni adeguate alle proprie necessità. Il traffico dati è in costante aumento, una richiesta sempre maggiore che richiede l’adeguamento dei dispositivi e delle tecnologie integrate, scegliendo sempre l’opzione migliore in base alle proprie esigenze.

Oltre al calcolo del consumo dati è importante monitorare le performance della rete eseguendo speed test periodici, aggiornare sempre i software del modem e degli altri device, rivolgendosi a un centro d’assistenza in caso di connessione lenta. Tuttavia bisogna conoscere prima di tutto da cosa dipende la velocità di navigazione Internet, per capire come intervenire in presenza di problemi e inefficienze.

Come funziona la velocità di navigazione Internet

Quando si attiva un servizio di connessione Internet vengono sempre indicate le prestazioni di rete, valori indicativi rilevati dal provider in base a una serie di fattori come il tipo di linea, il piano tariffario scelto e le tecnologie integrate. Questi parametri non sono sempre uguali, infatti possono cambiare a seconda di alcuni aspetti, per questo motivo è importante controllare sempre la copertura di rete e le performance effettive della connessione.

La velocità Internet viene misurata in byte per secondo, ovvero quanti pacchetti di dati vengono trasferiti per ogni unità di tempo. Ovviamente questo valore è indicato su una scala maggiore, ad esempio Mbps (megabit per secondo) oppure Gbps (gigabit per secondo). Inoltre la velocità viene fornita sia per il download, quindi per il consumo dati in entrata, sia per l’upload, il traffico in uscita, come il caricamento di un video dal pc su una piattaforma esterna come YouTube.

I fattori che incidono sulla velocità della connessione

La velocità della connessione Internet dipende da una serie di fattori, aspetti che possono incidere sulle prestazioni di rete e ridurre le performance dei vari servizi, come la navigazione web, lo streaming o il gaming. Innanzitutto bisogna considerare il tipo di infrastruttura presente, in quanto ogni sistema prevede delle capacità differenti con parametri diversi per la velocità in download e upload.

Ad esempio il collegamento più comune è quello ADSL, una tecnologia in cui il trasferimento dati avviene attraverso la linea telefonica sfruttando i cavi in rame. Queste linee possono garantire una velocità di navigazione Internet fino a 6 Mbps in download e 1 Mbps in upload, mentre con l’evoluzione ADSL2+ si arriva rispettivamente fino a 20 Mbps e 1 Mbps.

Naturalmente con le moderne connessioni Internet in fibra ottica le prestazioni sono ben più elevate, soprattutto con le reti di tipo FTTH con le quali i cavi in fibra raggiungono l’abitazione, offrendo una velocità fino a 1 Gbps in download e 200 Mbps in upload. Meno performanti sono le strutture FTTN, in cui la fibra arriva fino alla strada per proseguire con i tradizionali cavi in rame, fornendo una velocità massima di 200 Mbps in download e 20 Mbps in upload.

Oltre alla rete di connessione influiscono anche altri fattori come:
 
  • il modello di modem router;
  • il numero di dispositivi collegati allo stesso tempo;
  • la distanza percorsa dal cavo Ethernet;
  • la configurazione del modem;
  • la quantità di applicazioni utilizzate;
  • le condizioni climatiche;
  • la suddivisione dei device connessi alle due bande.

Come controllare la velocità fibra o ADSL

Per capire qual è la velocità di navigazione Internet effettiva, al di là dei dati indicativi, è necessario eseguire uno speed test, un controllo delle prestazioni di rete per scoprire una serie di parametri. Si tratta di aspetti fondamentali per giudicare le performance della linea, come la velocità in download/upload e il ping della connessione, ovvero il ritardo del segnale nel trasferimento dei dati da un device ad un altro.

Con il test della velocità è possibile vedere se sia necessario potenziare la connessione Internet, ad esempio cambiando servizio o provider, oppure andando a intervenire su altri aspetti come il posizionamento del router o l’aggiornamento del firmware del modem. Lo speed test può essere realizzato online, attraverso siti web che offrono il servizio, oppure rivolgendosi al proprio fornitore effettuando la prova tramite la pagina dedicata.

I clienti Fastweb possono controllare la velocità della connessione Internet in modo semplice e veloce, infatti basta accedere a MyFastweb inserendo le credenziali personali per poi avviare lo speed test. Ovviamente per ottenere una rilevazione precisa è necessario ripetere la rilevazione alcune volte, scegliendo orari diversi della giornata, inoltre è opportuno fare la prova collegando il modem tramite il cavo Ethernet e non in modalità Wi-Fi.

Quanto influisce il modem sulla velocità di navigazione

Sono diversi i fattori che incidono sulla velocità della connessione Internet, a partire dal tipo di rete fino alla congestione del traffico dati nei vari momenti della giornata. Ad ogni modo uno degli aspetti più importanti, per ottenere le prestazioni minime garantite dal servizio contrattato, è il modem router presente all’interno della propria abitazione.

Senza dubbio non è l’unico dispositivo dal quale dipende la velocità di navigazione, infatti anche device obsoleti come pc, tablet e smartphone, oppure sistemi operativi non aggiornati non consentono di sfruttare al massimo le potenzialità della connessione. Tuttavia è fondamentale partire sempre dall’acquisto di un modem di buona qualità, ricordandosi di scaricare sempre le nuove versioni del software disponibili.

Ad esempio, i modem più moderni sono configurati con lo standard Wi-Fi 6, una tecnologia più efficiente per la gestione delle reti wireless in quanto supporta un maggior numero di dispositivi collegati, con una velocità fino al 25% più elevata rispetto al protocollo precedente. Allo stesso tempo è necessario considerare la potenza delle antenne (eventualmente è possibile installare un ripetitore Wi-Fi per aumentare la portata del segnale), la presenza della doppia banda e la compatibilità.

Come aumentare la velocità di navigazione Internet

Se dopo lo speed test le prestazioni di rete non sono buone, con la velocità di navigazione che continua a non essere soddisfacente, in questo caso esistono diversi interventi che si possono effettuare. La prima cosa da fare è verificare il modem per capire se è un modello adeguato e di ultima generazione, aggiornato lato software, altrimenti bisogna necessariamente passare a un dispositivo più moderno come il modem FASTGate di Fastweb.

Inoltre, bisogna controllare se esistono interferenze nei segnali, come ostacoli e barriere che compromettono la diffusione della connessione wireless, valutando l’acquisto di un Wi-Fi extender. Allo stesso tempo è utile capire quali sono le proprie esigenze di navigazione, per capire se è necessario cambiare servizio e optare per una connessione più adatta alle proprie necessità.

In particolare bisogna considerare le attività svolte all’interno dell’abitazione (streaming, smart working, gaming, ecc.) e il numero di dispositivi collegati simultaneamente, dopodiché è possibile analizzare quale sia la soluzione migliore in base alle esigenze di navigazione. Sapere quanti giga al mese servono è davvero importante, senza sottovalutare la necessità di dotarsi di apparecchi adeguati a mantenere alte le prestazioni della connessione Internet e aggiornare sempre ogni tecnologia.

Hai bisogno di ulteriore assistenza? Vai in uno dei negozi Fastweb presenti in tutta Italia e chiedi aiuto ai nostri tecnici esperti.