Home > Smart Home: i prodotti tech per la domotica residenziale
smarthome gallery

Smart Home: i prodotti tech per la domotica residenziale

Con la domotica è possibile rendere la casa intelligente, automatizzando tantissime funzionalità per usufruire di un’abitazione più smart e sicura. Per farlo bisogna installare dei dispositivi per la smart automation, in grado di collegarsi alla rete Wi-Fi o comunicare con l’hub principale. In questo modo si possono gestire le luci, l’impianto di riscaldamento o il sistema di videosorveglianza.

Ogni prodotto deve essere scelto in base a una serie di aspetti, tra cui il tipo di connessione, l’hub principale di controllo e le tecnologie offerte dall’apparecchio. Per evitare confusione è opportuno decidere il sistema primario di riferimento, dopodiché bisogna acquistare ogni dispositivo affinché sia perfettamente compatibile con il “cervello principale”. Vediamo come scegliere i prodotti giusti per la smart home.

Smart Assistant: le differenze tra Alexa e Google

Una delle tecnologie principali per la domotica della casa intelligente sono gli assistenti vocali, estremamente utili per la gestione dei vari dispositivi collegati alla rete. Gli smart assistant sono dei sistemi di intelligenza artificiale, inseriti all’interno di appositi smart speaker, con i quali si possono controllare altri device per gestire la domotica residenziale con i comandi vocali.

Ovviamente è possibile farlo anche con altri hub, tuttavia gli assistenti virtuali rappresentano ad oggi un’opzione comoda e pratica. Sul mercato le tecnologie più diffuse sono Alexa di Amazon e Google Assistant, ognuna delle quali presenta delle caratteristiche specifiche, dei vantaggi e delle limitazioni. Ad esempio, Alexa è in grado di funzionare perfettamente con gli apparecchi e le applicazioni dell’azienda di Jeff Bezos.

Alcuni device Amazon hanno l’hub Zigbee integrato, si possono aumentare le capacità di Alexa con le skills e funzionano con tutte le piattaforme e i servizi di Amazon. Google Assistant offre una tecnologia più avanzata per le ricerche vocali, con una maggiore compatibilità all’interno dell’ecosistema Android e le applicazioni Google. Per scegliere la soluzione giusta bisogna considerare dispositivi e servizi utilizzati, poiché il livello qualitativo è pressoché uguale.

Cosa considerare nella scelta delle luci intelligenti

Nella smart automation un passaggio fondamentale è l’automatizzazione delle luci di casa, per azionare l’attivazione e lo spegnimento con la voce o tramite app. In questo caso un’opzione semplice consiste nello scegliere luci con connettività Wi-Fi o Bluetooth, per gestirle senza grossi problemi con un qualsiasi smart assistant come Alexa o Google. Inoltre, con l’illuminazione a LED, è possibile risparmiare sui consumi energetici, oppure utilizzare i modelli dimmerabili per regolare anche l’intensità delle luci.

Per le installazioni più complesse è consigliabile installare delle luci con tecnologie più avanzate, in grado di garantire una comunicazione più rapida ed efficiente. Una valida soluzione sono le luci con moduli Zigbee o Z-Wave, da controllare attraverso uno smart hub centrale, per una connessione più veloce e affidabile. Tuttavia, in entrambi i casi, è possibile gestire l’illuminazione con lo smartphone tramite app o dagli smart speaker con la voce.

Quali sensori scegliere per la smart home domotica

La casa domotica funziona grazie a una serie di sensori intelligenti, con cui trasformare segnali analogici come il rilevamento della temperatura in comandi digitali. In questo modo è possibile automatizzare diversi dispositivi, oppure impostare dei parametri di riferimento per la loro attivazione o spegnimento. Ad esempio, si possono installare dei sensori di temperatura, per attivare il condizionatore in maniera automatica al di sopra di un certo valore e spegnerlo al di sotto di un altro.

Allo stesso modo è possibile usare dei sensori di movimento, per l’accensione automatica delle luci soltanto quando una persona entra nella stanza, una soluzione pratica e in grado di ridurre i consumi energetici. Altrettanto utili sono i rilevatori di fumo, i sensori perimetrali da montare su porte e finestre per una maggiore sicurezza domestica, oppure per il monitoraggio di eventuali fughe di gas o allagamenti. I sensori smart si collegano direttamente o tramite l’hub di riferimento via Bluetooth o Wi-Fi, per ottimizzare le funzionalità e la sicurezza della casa.

Come rendere smart il sistema di riscaldamento e raffreddamento

Uno dei dispositivi da installare assolutamente nella casa smart è il termostato intelligente, per regolare la temperatura all’interno dell’abitazione con l’app dello smartphone o i comandi vocali. Una volta montato basta collegarlo alla rete Wi-Fi, dopodiché bisogna soltanto effettuare la configurazione attraverso l’app, con gli assistenti vocali Alexa o Google Assistant, oppure con l’hub principale di gestione della domotica della casa.

Per l’aria condizionata esistono alcuni modelli di climatizzatori già predisposti per la smart home, altrimenti è necessario un intervento per collegare il termostato digitale. L’operazione richiede delle conoscenze di elettronica, quindi meglio affidarsi a un tecnico esperto per evitare qualsiasi tipo di danno. In alternativa si possono utilizzare le valvole termostatiche, un’opzione pratica in presenza di impianti di riscaldamento centralizzati, per azionare a distanza l’apertura e la chiusura dell’acqua nei caloriferi.

Prese smart: come scegliere quelle giuste

Tra i prodotti di domotica indispensabili ci sono ovviamente le prese smart, con le quali sostituire i modelli tradizionali per controllare l’attivazione e lo spegnimento di ogni dispositivo ad esse collegato. In questo modo è possibile gestire anche apparecchi non smart, in quanto basta intervenire sull’erogazione della corrente elettrica. Ogni prodotto può offrire diverse funzionalità, inoltre si possono trovare modelli di varie forme, dimensioni e stili.

Alcuni smart plug sono gestibili tramite comandi vocali, altri anche attraverso IFTTT, un pacchetto di servizi per migliorare le sinergie dei dispositivi smart dal web o direttamente dall’app. La maggior parte delle prese smart si collega alla Wi-Fi di casa, altri invece hanno degli appositi moduli Bluetooth o Zigbee, per funzionare in ecosistemi di prodotti della stessa marca. Nella scelta bisogna considerare il carico massimo sopportato, le funzionalità e la tecnologia integrata.

Le telecamere di sicurezza per la smart home

Per la domotica di una casa intelligente è importante preoccuparsi anche della sicurezza, installando delle telecamere intelligenti gestibili da remoto. Al giorno d’oggi le possibilità sono numerose, grazie alle nuove telecamere IP Wi-Fi per la videosorveglianza. Questi modelli si collegano a internet, per controllare la casa in ogni momento dall’app o da una piattaforma web, accessibili da qualsiasi dispositivo fisso o mobile.

A seconda del tipo di videocamera di sorveglianza possono essere montate all’interno o all’esterno, con filo o senza, inoltre possono offrire funzionalità avanzate come la visione notturna, i sensori di movimento e l’archiviazione automatica dei filmati in cloud o su microSD. Inoltre, si possono ricevere notifiche sullo smartphone in caso di allarme, registrare video in alta risoluzione e integrarsi con i sistemi di smart assistant più evoluti, per una casa davvero intelligente e più sicura.

Trova il negozio Fastweb più vicino a te e chiedi agli esperti in negozio i consigli e i prodotti da acquistare per realizzare una casa smart e sicura.